Sprintrade è un must nel settore dei network di affiliazione, soprattutto per chi cerca un marketplace con un’offerta di prodotti o campagne imponente e molto variegata. Su Sprintrade potrai difatti trovare centinaia di prodotti appartenenti a categorie diverse, come ad esempio casa, elettronica, moda, informatica, giochi, concorsi, food e tanto altro ancora. Prima di proseguire, è bene che tu sappia che si tratta di un network italiano, dunque questo è un ulteriore punto a favore.
Aderendo a Nutriprofits, potrai sponsorizzare con la tua attività una caterva di prodotti di tipo diverso: si va dagli integratori sessuali (maschili e femminili) ai prodotti per combattere la caduta dei capelli e la ritenzione idrica, fino a quelli per perdere peso. Considera che qui trovi di tutto, e anche marchi noti nei rispettivi campi come Green Coffee e Member XXL.
Let’s say you have a promotions page where you’re promoting a product via affiliate links. If you currently get 5,000 visits/month at a 2% conversion rate, you have 100 referrals. To get to 200 referrals, you can either focus on getting 5,000 more visitors, or simply increasing the conversion rate to 4%. Which sounds easier? Instead of spending months building domain authority with blogging and guest posts to get more organic traffic, you just have to increase the conversion rate by 2%. This can include landing page optimization, testing your calls-to-action, and having a conversion rate optimization strategy in place. By testing and optimizing your site, you’ll get far better results with much less effort. 
Si adotta quando l’obiettivo del cliente è generare un contatto da trasformare in un secondo momento in un cliente; il CPL è calcolato dal cliente in base al lifetime value dell’utente, al valore medio del utente convertito e al proprio costo interno di conversione (CRM, call center etc.). Il modello di share della commissione fra publisher e network non cambia (30% / 70%). Criticità: modello molto esposto alle fake conversion.
Mantieni aperta la comunicazione con i tuoi affiliati. Dovrebbero conoscere i prossimi lanci di prodotti, i prodotti che stai promuovendo sui social media, i banner pubblicitari e i video delle caratteristiche del prodotto. Chiedi ciò di cui hanno bisogno da te per facilitare le conversioni. È possibile impostare una riunione mensile standard in modo da poter parlare con loro regolarmente.

The concept of affiliate marketing on the Internet was conceived of, put into practice and patented by William J. Tobin, the founder of PC Flowers & Gifts. Launched on the Prodigy Network in 1989, PC Flowers & Gifts remained on the service until 1996. By 1993, PC Flowers & Gifts generated sales in excess of $6 million per year on the Prodigy service. In 1998, PC Flowers and Gifts developed the business model of paying a commission on sales to the Prodigy Network.[8][9]
divorzio non contestato scienza salute fare soldi online Amore assicurazione Qualitas il divorzio express lavoro istruzione affari custodia perdere peso Fare soldi assicurazione auto internet business assicurazione PNL ABA Seguros il divorzio necessario successo Ricette seo assicurazione messico cervello internet facebook la salute I fondi di investimento Tecnologia storia alimenti

Forms of new media have also diversified how companies, brands, and ad networks serve ads to visitors. For instance, YouTube allows video-makers to embed advertisements through Google's affiliate network.[22][23] New developments have made it more difficult for unscrupulous affiliates to make money. Emerging black sheep are detected and made known to the affiliate marketing community with much greater speed and efficiency.[citation needed]
La pubblicità online iniziava a prendere forma – i modelli Cost Per Mille (CPM) e il placement a pagamento erano componenti importanti del marketing mix, ma difficili da misurare. L’enfasi sul traffico di qualità e sulla conversione ha aiutato gli esperti di marketing nella transizione dall’acquisto di impression e visite al pagamento esclusivamente del traffico concluso con la vendita e il marketing di affiliazione ha fatto la sua parte.
Cookie stuffing involves placing an affiliate tracking cookie on a website visitor's computer without their knowledge, which will then generate revenue for the person doing the cookie stuffing. This not only generates fraudulent affiliate sales but also has the potential to overwrite other affiliates' cookies, essentially stealing their legitimately earned commissions.

Una volta fatto l’accesso e la registrazione potrai scegliere i prodotti Amazon da vendere, la piattaforma ti darà un link per ogni prodotto che scegli e tu dovrai inserirlo nelle pagine del tuo blog o nei tuoi profili social. Ogni volta che qualcuno visiterà i tuoi profili o il tuo blog e cliccherà su quel link sarà tracciato, se quella persona farà un acquisto tu riceverai una percentuale.

Fatto ciò, l’affiliate network si premura di trovare affiliati che vogliono promuovere l’ecommerce in questione offrendogli una percentuale, ad esempio, del 12% su ogni vendita. In questo modo, il network ha un 3% di guadagno su ogni vendita che l’affiliato realizzerà. Il guadagno dei network di affiliazione, infatti, è generalmente il 20/30% rispetto alla commissione pagata dall’azienda per l’affiliato.


Affiliates were among the earliest adopters of pay per click advertising when the first pay-per-click search engines emerged during the end of the 1990s. Later in 2000 Google launched its pay per click service, Google AdWords, which is responsible for the widespread use and acceptance of pay per click as an advertising channel. An increasing number of merchants engaged in pay per click advertising, either directly or via a search marketing agency, and realized that this space was already occupied by their affiliates. Although this situation alone created advertising channel conflicts and debates between advertisers and affiliates, the largest issue concerned affiliates bidding on advertisers names, brands, and trademarks.[39] Several advertisers began to adjust their affiliate program terms to prohibit their affiliates from bidding on those type of keywords. Some advertisers, however, did and still do embrace this behavior, going so far as to allow, or even encourage, affiliates to bid on any term, including the advertiser's trademarks.
La mia opinione dopo aver partecipato alle discussioni nel gruppo Facebook del corso ed aver letto tutti i materiali didattici è che, ad oggi, non esiste formazione migliore! La cosa più bella di AffiliatePRO, inoltre, è che vengono mostrati dei casi studio REALI in cui puoi vedere che tipo di offerta è stata pubblicizzata, in che modo, e che ritorno economico ha portato…

The phrase, "Affiliates are an extended sales force for your business", which is often used to explain affiliate marketing, is not completely accurate. The primary difference between the two is that affiliate marketers provide little if any influence on a possible prospect in the conversion process once that prospect is directed to the advertiser's website. The sales team of the advertiser, however, does have the control and influence up to the point where the prospect either a) signs the contract, or b) completes the purchase.
In genere si sente parlare molto di più di SEM, Search Engine Marketing, e di Google che di Affiliate Marketing. Questo perché Google, con i suoi servizi e le sue piattaforme, è estremamente più conosciuto a conti fatti. Non solo: il SEM con Google ha tuttora conservato lo stesso livello di efficienza ed efficacia che aveva una decina d’anni fa quando non c’era AdWords Editor.
×